Professor Layton, la serie supera gli 11 milioni di copie vendute

di Gaetano Cutri Commenta


C’è un personaggio tutto sommato abbastanza banale e senza una caratteristica quanto meno estetica che possa attribuirgli un vero e proprio interesse da parte della comunità videoludica, ma che nonostante la sua semplicità di fondo, o forse proprio sfruttando questa sua peculiarità, è riuscito a cavalcare l’onda della crisi, arrivando ai primi posti delle classifiche mondiali di vendita con i suoi titoli apparsi nei negozi negli ultimi anni.

Stiamo parlando del Professor Layton, il protagonista principale della serie di giochi mistery disponibili ormai da un po’ su Nintendo DS e capaci di aver reso la piccola ma preziosa console portatile della Nintendo un vero e proprio oggetto del desiderio visto che tutti hanno avuto la voglia di cimentarsi con i moltissimi enigmi contenuti in ogni episodio della serie che è stato fino ad ora lanciato. Tanto successo che ha portato la serie ad un grosso traguardo.


Sono in molti ad aver avuto l’idea brillante di provare a risolvere gli enigmi del Professor Layton, da quelli più semplici magari a risposta multipla fino ad alcuni rompicapi che i giocatori hanno trovato quasi impossibili eppure matasse facilmente districabili avendo l’intuizione giusta. I sapienti ingredienti che hanno fatto di Professor Layton un best seller per il Nintendo DS ha portato tutti i titoli della saga ad un tetto di vendita davvero invidiabile.

Level 5 ha infatti annunciato che la serie di giochi dedicati al Professor Layton ha venduto nel mondo quasi 11 milioni e mezzo di copie e sicuramente molte altre sono destinate alla vendita soprattutto quando arriverà ufficialmente nei negozi Professor Layton and the Mask of Miracle, primo episodio ad essere disponibile su Nintendo 3DS. Un successo meritatissimo per una saga che regna tuttora sovrana nel filone mistery.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>