Masato Kato, la Nintendo fallirà a causa dell’iPad

di Gaetano Cutri 1


Tutti gli interessati hanno praticamente pernottato davanti ai negozi della Apple il giorno precedente al grande arrivo ampiamente annunciato, pur di far proprio il gioiellino tanto atteso prima degli altri. File inaudite si sono registrate all’entrata dei negozi e dei megastore tanto che le scorte spesso sono terminate in tempi davvero brevissimi, lasciando a bocca asciutta chi è arrivato tardi o a sottovalutato la follia di massa che ha colpito tutti.

Insomma l’arrivo del famigerato iPad ha mandato in visibilio chi è stato colto dal raptus innescato da quest’oggetto del desiderio dalle mille capacità, permettendo all’utente di navigare comodamente su internet e di leggere libri elettronici, così come guardare film ed ascoltare musica, nonché telefonare. Con l’iPad si può però anche giocare e questo, secondo una persona in particolare, potrebbe modificare il destino dei colossi dell’intrattenimento videoludico.


A parlare del futuro delle compagnie di videogiochi relativamente all’ingresso sul mercato di un prodotto versatile come l’Ipad è stato Masato Kato, un noto sviluppatore di giochi a cui dobbiamo dei titoli illustri come alcuni prestigiosi giochi di ruolo del passato, primi fra tutti Chrono Trigger, Xenogears e addirittura Final Fantasy VII. Ma se tutti sono convinto che l’iPad non farà danni, Kato invece spara a zero su una compagnia molto importante.

La vittima designata secondo lo sviluppatore sarà addirittura la Nintendo visto che molte compagnie si stanno già orientando verso l’iPad per proporre nuove perle. La mamma di Mario si sarebbe scavata una fossa già con la Wii secondo Kato, forse ignorando il grande impatto che invece ha avuto sull’intera comunità videoludica. Di certo è presto per far pronostici riguardo il futuro di iPad e mercato del videogioco attuale: il tempo ci farà capire chi resisterà.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>