Grande Fratello, fallita la prova Kinect

di Gaetano Cutri Commenta


E’ amatissimo da una certa fetta di pubblico, è molto odiato invece dalla parte opposta. E’ un programma televisivo che nasce con un intento quasi psicologico, ma dopo la sorpresa avuta con la primissima edizione e qualche simpatica alternativa lanciata nelle immediate edizioni successive, poco è rimasto di quel tipo di spettacolo che si è tramutato spesso in una lotta al litigio più forsennato e alla nomination più perfida e negativa.

Si tratta del Grande Fratello, quello che è senza dubbio il reality più longevo della televisione italiana che proprio questa settimana vedrà i ragazzi reclusi di quest’edizione trascorrere anche il santo Natale nella casa più spiata di Cinecittà. Non ci sono molte sorprese oltre le coppie che scoppiano si ricompongono e i consueti battibecchi, ma gli appassionati di videogiochi hanno potuto vedere all’opera qualcosa che mai avrebbero sospettato di poter guardare.


Infatti questa settimana nella casa del Grande Fratello è stato introdotto un grande televisore al plasma a cui è stata collegata una console Xbox 360 e il nuovissimo sistema Kinect per dar vita non soltanto ad interessanti sfide tra i protagonisti di questa stagione del reality, ma anche una vera e propria prova ricompensa che purtroppo, nella puntata andata in onda lunedì sera, non è stata soddisfatta, facendo rinunciare così ai concorrenti il premio relativo.

Tra incontri di boxe muovendo forsennatamente soltanto i pugni, una sequenza di movimenti ben distribuiti per manovrare un enorme canotto in stile rafting e anche una corsa ad ostacoli che ha sicuramente impegnato molto, anche il pubblico più popolare ha potuto ammirare in azione Kinect: questo significa che il mondo delle console sta aprendo nuovi orizzonti e la diffusione ancora maggiore dell’intrattenimento videoludico moderno ormai pare sia soltanto questione di pochissimi mesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>