Due ore con i videogames al pari di una striscia di cocaina?

di Gaetano Cutri 2


Non riusciamo mai ad abituarci, noi poveri appassionati di videogiochi, alle mille critiche mosse quasi quotidianamente nei confronti del nostro grande amore, quel semplice mezzo di intrattenimento videoludico che ci rende la giornata più piacevole proponendo delle sfide emozionanti e delle trame degne di un vero film per il grande schermo, facendoci conoscere personaggi interessanti e regalandoci tanto sano divertimento.

Molto si è detto da autorevoli saggi di ogni settore sul mondo dei videogiochi, come il principio che la sedentarietà necessaria per poter giocare porti direttamente all’obesità infantile, dimenticando i giochi che invece propongono attività fisiche e tutte le novità riguardanti i metodi di controllo ben più interattivi rispetto all’era del classico joypad. Ma la lista di critiche sarebbe davvero lunga e a quanto pare un nuovo elemento allungherà ancora l’elenco.


Infatti un articolo pubblicato sul Lancashire Evening Post, un giornale del Regno Unito, quasi al pari dello studio neozelandese di cui vi abbiamo già parlato, verrebbe fuori che due ore trascorse davanti ai videogiochi equivarrebbero addirittura alla sniffata di una striscia di cocaina! Un dato decisamente forte che viene tenuto su da alcune autorevoli voci, tra cui quelle di alcuni medici che, secondo recenti studi, hanno notato una certa assuefazione, in special modo dei giovanissimi, all’universo videoludico.

Voci di campo medico intervistate nel pezzo affermano come abbiano incontrato nella propria carriera ragazzi che diventavano aggressivi quando i genitori tentavano di staccarli dal monitor dopo troppe ore di gioco ed altri invece che rischiavano la disidratazione per non aver mai mollato il joypad dalle mani. Casi limite, senz’altro, ma si vuole sempre puntare il dito contro i videogames e mai contro problemi già presenti o situazioni familiari poco serene.

Commenti (2)

  1. che esagerazione -.-

  2. le strisce se le fa chi gioca o chi scrive queste cazzate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>