Fat Princess, damigelle ingozzate per scongiurarne la liberazione

di Gaetano Cutri 1


Quante volte giocando ai nostri titoli preferiti ci siamo accorti che l’obiettivo che più spesso ci è capitato di soddisfare terminando un gioco fosse quello di riportare in salvo la gentil donzella rapita, quella dolce principessa, quasi sempre dai boccoli biondi e dai tristi occhi azzurri che viene portata via dal cattivone di turno per ottenere magari in riscatto il regno del padre diventando il nuovo re di una cittadina fino a quel momento tranquilla e pacifica.

Chi ha giocato a Super Mario, in una delle sue innumerevoli versioni, ha sempre tentato di recuperare la Principessa Peach dalle grinfie di quel tartarugone di Bowser, ma a quanto pare la dolce principessa a cui eravamo abituati come stereotipo generale nel mondo dei videogiochi, sta per cambiare volto, o più che altro fattezze, grazie ad un titolo particolare che vedrà la luce per Playstation Network. Il suo nome è Fat Princess.


La struttura di gioco ricorda molto quella dei classici strategici in tempo reale, ma non immaginate di guidare carri armati e battaglioni di soldati armati fino ai denti visto che il tenore del gioco è alquanto ironico e dal look particolarmente cartoonesco. Il gioco ci mette nei panni di una squadra composta da 16 elementi che spaziano dal condottiero semplice fino ad arrivare a maghi, arcieri e piccoli eroi dalle abilità particolari.

Il nostro compito è quello di acciuffare la principessa della squadra avversaria, portarla nel nostro castello che dovremo difendere con le unghie e con i denti fortificandolo nel migliore dei modi e mettendo come guardia i nostri uomini migliori e nel frattempo far ingurgitare qualunque cosa alla principessa rapita per ingrassarla e rendere più ostico un eventuale salvataggio! Dovremo quindi addentrarci nelle foreste e altre location in cerca di cibo per rimpinzare il nostro ostaggio. Una carica di ironia che di sicuro vi piacerà.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>