Goldeneye Wii, un video del gioco in azione

di Gaetano Cutri 1


Come fa un videogioco semplice e puro a diventare un classico, a trasformarsi letteralmente in una pietra miliare del genere videoludico, in un termine di paragone con cui trattare successivamente tutti i titoli appartenenti allo stesso genere e che difficilmente supererebbero la magnificenza del gioco originale? Questa è la domanda di apertura di un succosissimo video che la maggior parte di voi probabilmente avrebbe voluto vedere già molto tempo fa.

E’ probabilmente da quanto la Wii ha mosso i suoi timidi piccoli passi che i nostalgici di una volta, che hanno avuto la fortuna di avere tra le mani una console un po’ sfortunata come il Nintendo 64, ma capace di ospitare dei grandissimi titoli, hanno iniziato a richiedere a gran voce una sorta di riedizione di un grande classico del mondo degli sparatutto che strizza fortemente l’occhio agli appassionati di cinema d’azione più tradizionale.


Il gioco che tutti reclamavano per poterlo rivedere in una versione decisamente più moderna e pulita da qualche difettuccio di fondo è Goldeneye, il miglior capitolo videoludico che ogni console abbia mai ospitato come dedica all’affascinante James Bond, la spia che non deve chiedere mai e dotata di licenza di uccidere. La sua modalità multiplayer e tutto il fascino della storia originale sono ancora oggi dei capisaldi del genere che per fortuna transiteranno anche sulla Wii.

La nuova versione presentata recentemente all’E3 si prospetta davvero golosa, approfittando della potenza maggiore di cui la Wii è dotata rispetto ad una delle sue antenate in casa Nintendo. Chi ha provato il primo titolo, riconoscerà, nel video che trovate qui sotto, alcune scene chiave del gioco stesso, ma chi lo proverà per la prima volta sarà totalmente rapito dalla magia di questo nuovo classico che si riaffaccia al mondo videoludico per la gioia di tutti. Gustatevi il video.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>