Nintendo 3DS, non sarà obbligatorio l’uso del 3D

di Gaetano Cutri Commenta


Non c’è dubbio che una delle bombe del nuovo anno sia proprio lei, la console portatile che viene dopo una sorella maggiore davvero di grande successo che è stata capace di attirare l’attenzione di una tipologia di pubblico non soltanto avvezza anche prima alle meraviglie del mondo videoludico, ma anche di tipo decisamente occasionale o magari anche totalmente estraneo a questo stile di divertimento, rendendosi un vero e proprio oggeto del desiderio.

Si parla ovviamente del Nintendo DS, la console portatile di maggior successo attualmente in circolazione che sarà affiancata molto presto da un gioiello ancora più luccicante come il Nintendo 3DS, una versione potenziata capace di far girare anche giochi in tre dimensioni creando lo stesso effetto cinematografico di alcune pellicole. Proprio riguarda la capacità del 3DS della nuova realtà Nintendo abbiamo avuto di recente nuove informazioni.


A parlarne è stato lo stesso Shigeru Miyamoto, uomo da ormai molti anni legato alla Nintendo e papà di Mario, personaggio di punta della grande casa di sviluppo. Secondo il pezzo grosso del mondo videoludico, il Nintendo 3DS avrà l’ottima caratteristica di supportare in pieno i titoli già pubblicati per Nintendo DS semplice, che verranno ovviamente visualizzati come se stessero girando proprio sulla console precedente e quindi in due dimensioni.

Aggiunge Miyamoto però, che non ci sarà assolutamente l’obbligo di creare giochi in 3D per il Nintendo 3DS ma anzi, approfittando quindi di un frame rate superiore per il mancato sfruttamento di questa caratteristica, salteranno fuori dalle menti creative giochi in 2D che saranno visivamente splendenti e non faranno rimpiangere affatto l’assenza dell’effetto 3D promesso dalla console. Insomma la versatilità la farà da padrona, non ci resta che attendere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>