Vandal Hearts Flames of Judgement, nuovi dettagli sul ritorno della saga

di Gaetano Cutri Commenta


E’ stato il primo gioco di ruolo di stampo strategico a fare la sua comparsa sulla primissima generazione di console Sony, un nuovo orizzonte fu aperto proprio grazie al suo arrivo sull’allora nuovissima macchina da gioco che tanta fortuna ebbe portando quindi nuovo lavoro e nuove idee alle tante case di sviluppo che iniziarono a proporre sul mercato nuovissimi giochi facendo finire nel dimenticatoio questo vecchio progetto.

Vi abbiamo già menzionato la saga di Vandal Hearts, un titolo che ha ormai quasi quindici anni alle spalle e che si rivelò un ottimo apripista per le saghe che poi pian piano videro la luce e nonostante sia da molto tempo che non si vede in giro un nuovo episodio, la Konami, come vi abbiamo annunciato renderà presto disponibile su Playstation Network e Xbox Live un capitolo totalmente inedito che farà gioire i nostalgici.


Il nome del nuovo gioco di Vandal Hearts dovrebbe essere Flames of Judgement e i primi dettagli sulla storia e sull’idea del gioco sono state da poco rivelate. La trama, bisogna dirlo, sembra alquanto banalotta e sa purtroppo di già visto, infatti ci ritroveremo ancora una volta due regni rivali, siti sul continente di Sostegaria, che si ritrovano sull’orlo della guerra, innescando una serie di battaglie sanguinose e minacciose.

Al centro di questi scontri si ritroverà il giovane Tobias Martin che dovrà guidare la sua armata per riportare la pace sul continente minato da questa guerra. Il party che utilizzeremo in battaglia, come per ogni buon strategico, dovrà essere scelto con cura per affrontare al meglio i nemici che incontreremo sulla griglia di gioco e starà quindi alle caratteristiche personali e alle armi equipaggiate decidere le sorti delle battaglie. Siamo molto curiosi di provarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>