Madballs, le palle pazze sparano su Xbox Live

di Gaetano Cutri Commenta


Se voi che leggete avete ormai raggiunto quasi la trentina e siete stati quindi dei bambini negli anni ’80, ricorderete sicuramente la sfilza di giochi che erano di moda in quegli anni, lanciati da pubblicità che sono poi rimaste come dei veri e propri miti, giochi che riuscivano a riunire piccoli gruppi di amichetti per trascorrere dei pomeriggi in completo relax con tanto sano divertimento, quando i videogiochi erano ancora quasi solo un’illusione.

Ora siamo abituati ad impugnare il controller e darci da fare salvando principesse rapita, sventando piani criminali, ripulendo dalla feccia nemica interi villaggi o semplicemente dedicarci virtualmente a qualche sport, e il tempo per i giochi materiali, tra quelli da tavolo e quelli che si potevano portare ovunque non c’è davvero più tempo, facendo rimanere solo come vecchi ricordi, quegli indimenticabili modi di divertirci con i giocattoli più strani.


Ricorderete probabilmente delle buffissime e spesso mostruose palline che avevano delle orride sembianze umanoidi più simili però a veri e propri mostri. Ce n’erano di tanti tipi diversi, tutti da collezionare, quasi come se fossero stati dei Pokemon ante litteram, riuscendo ad avere in proporzioni per i mezzi dell’epoca, anche un successo alquanto discreto e che sono rimasti di sicuro nella memoria dei bambini di allora.

In America erano conosciuto come Madballs, e proprio a questo fenomeno del giocattolo anni ’80, arriva a sorpresa nel nuovo millennio un gioco omonimo che vedrà la luce su Xbox Live. Si tratterà di uno sparatutto in 3D basato su ambientazioni in arene delimitate che ci permetterà di armarci di tutto punto per far fuori la mostruosa palla pazza avversaria. Un gioco d’ispirazione quasi trentennale che speriamo riuscirà a divertire anche i più giovani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>