Sonic Colours, un nuovo video non fa rimpiangere i titoli in 2D

di Gaetano Cutri 1


Probabilmente quando il suo bel faccino fece la sua comparsa sull’allora idolatrato Sega Mega Drive, potente ed apprezzatissima console casalinga della Sega, una nostra vecchia conoscenza, leader indiscussa del genere dei platform e icona incontrastata di una compagnia importante e celebre come la Nintendo, smosse un po’ i suoi tipici baffoni italiani per l’irritazione dovuta al successo immediato della simpatica nuova mascotte.

Insomma fu noto che Sonic fin dal suo esordio diede un po’ del filo da torcere all’ormai già vecchiotto Mario, andando a presentare fin dal primo capitolo delle sue avventure una particolare connotazione che rappresentò uno dei segreti del suo inesauribile successo. La folle capacità di correre a perdifiato lungo colline erbose e paesaggi stellari fu insomma un elemento che riuscì a far arrivare Sonic nel cuore dei tanti appassionati che possiede ancora oggi.


La serie è andata avanti tra alti e bassi, un po’ come tutte le lunghe tradizioni su console, ma da quando il porcospino blu noto a tutto il mondo videoludico ha fatto la sua comparsa nel mondo delle avventure in 3D non è mai riuscito ad arrivare alle vette di gradimento dei suoi esponenti bidimensionali. Chissà che le cose non cambino con Sonic Colours, un nuovo esperimento presto disponibile sia in versione Wii che in versione Nintendo DS.

Da un recente filmato che è stato dato in pasto al pubblico e che noi vi presentiamo proprio qui sotto, si può infatti vedere come elementi tipici delle sue prime apparizioni siano presentati sotto una forma diversa. Anelli a iosa, giri della morte, inquadrature non sempre da avventura in 3D e soprattutto il simpatico coprotagonista del secondo episodio, Tails, ben presente anche in Sonic Colours. Non vi resta che entusiasmarvi con il video.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>