Angry Birds, in un video si ringrazia per il miliardo di download

di Gaetano Cutri 1


Come avranno mai accumulato così tanto nervosismo da giustificare quell’aria perennemente arrabbiata? Cosa avranno mai fatto quegli ingenui porcellini, dalla stramba colorazione verdognola, per essere perseguitati in modo così continuo, gioco dopo gioco, nelle proprie abitazioni di pietra o di legno, o addirittura per essere inseguiti tra le stelle, nei cieli scuri dello spazio più profondo, senza tregua e senza alcuna possibilità di difendersi?

Questo probabilmente lo scopriremo in futuro in una delle mille attività che ormai riguardano gli Angry Birds, come ad esempio la futura serie tv composta da brevissimi episodi che comporranno come un puzzle, alcuni tasselli della vita misteriosa di questi pennuti incavolati col mondo intero e con i suini che ormai tutti ben conosciamo. La serie ha sbaragliato ogni concorrenza raggiungendo di recente un traguardo veramente invidiabile.


Solo un mesetto fa infatti il marchio aveva raggiunto dei livelli davvero preziosi di download visto che, in appena 35 giorni, con la sua nuova veste di Angry Birds Space, aveva toccato i cinquanta milioni di scaricamenti: un numero veramente impressionante. Insomma il successo del titolo della Rovio, che è invidiato anche dal papà di Mario, il signor Shigeru Miyamoto, che avrebbe voluto inventare lui stesso questa perla, è spropositato e non accenna ad arrestarsi.

Contando infatti ogni tipologia di gioco della serie di Angry Birds ormai disponibile, la Rovio ci ha tenuto a far sapere che è stato raggiunto un numero pari ad un miliardo di download in tutto il mondo: qualcosa di veramente unico nel settore videoludico! Per ringraziare i fans, la casa di sviluppo propone un semplice video che vi mostriamo qui sotto e annuncia grandi sorprese per il futuro. Chissà quale sarà la prossima veste in cui gli uccelli arrabbiati torneranno a far danni?

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>