Zombaby Bouncer, il neonato zombie a passeggio su Facebook

di Gaetano Cutri 1


Immaginate un bel parco pieno di piante rigogliose, un vero piccolo paradiso naturale magari a pochissimi passi dal centro cittadino. Un’oasi di pace e tranquillità che potreste usare per leggere un libro sotto le fronde di un albero secolare, oppure per spaparanzarvi al sole e godervi i raggi caldi dell’estate o ancora ascoltare un po’ di buona musica passeggiando tra le viuzze ombrose costeggiate da aiuole con fiori profumatissimi.

Immaginate ora tutto come il sogno distrutto dal pianto singhiozzante di un bambino piccolo che una madre non riesce proprio a zittire. Ecco come un piccolo angolo di paradiso possa trasformarsi, nel giro di pochissimi secondi, in un vero inferno, trasportandoci nuovamente nel caos più totale del frastuono cittadino. Ma se l’incubo fosse quello del bambino stesso? Quello del protagonista di Zombaby Bouncer lo è senza ombra di dubbio.


Il bambino nella carrozzina che avremo al comando di questo nuovo gioco che potrete provare su Facebook è infatti affetto da una strana infezione, forse il famigerato T-Virus che abbiamo conosciuto nella saga di survival horror di Resident Evil, che pian piano lo trasformerà in un affamato zombie. Il nostro scopo è quindi quello di fermare a tutti i costi questa terribile mutazione facendo sì che il neonato rimanga un tenero cucciolo piagnucolante.

Quello che dovremo fare sarà semplicemente accelerare o frenare l’andamento del passeggino permettendo alla carrozzina di non esagerare con i salti dalle collinette che potrebbero sbatacchiare il neonato all’esterno ma al tempo stesso correre a recuperare delle siringhe di vaccino per tamponare momentaneamente l’infezione, evitando così la trasformazione in zombie. Originale l’idea di base di Zombaby Bouncer, ma dopo un po’ di partite il divertimento scemerà vertiginosamente.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>