Witch Hunt Nooboo Mary, nei panni di una fattucchiera su Facebook

di Gaetano Cutri 1


I survival horror sono ormai una realtà ben presente sulle nostre console, regalandoci emozioni forti assecondando i gusti dei giocatori di ogni nazionalità. Dai classici zombie affamati di carne umana che ci hanno accompagnato fin dall’esordio del primo Resident Evil sulla prima generazione di console Playstation fino agli ultimi esemplari del genere che si rifanno agli stereotipi dell’immaginario orrorifico nipponico, la scelta è davvero vasta.

E’ sempre un piacere mettersi nei panni di agenti armati fino ai denti per debellare delle minacce a dir poco spaventose, ma è ancora più divertente invece interpretare un personaggio tutto sommato indifeso che riesce ad accrescere così l’immedesimazione con il proprio alter ego virtuale, lasciato in balia dello spaventoso pericolo che incombe. Ma quante volte invece ci è capitato di metterci nei panni del male in persona? Vi capiterà se provate Witch Hunt Nooboo Mary.


Come potreste intuire facilmente dal titolo in inglese, la protagonista del gioco non apparterrà alla legione dei non morti e non sarà un vero e proprio fantasma intrappolato sulla terra, sarà invece una temibile strega che viene sempre vista come un pericolo dalla comunità vista la sua insaziabile fame di bambini e la capacità di rimanere giovane bevendo il sangue di giovani vittime. A noi il compito di rimanere in vita nei panni della strega ben installata su Facebook.

Il gioco infatti ci permetterà di soddisfare degli obiettivi che saranno principalmente delle maledizioni da lanciare sugli oppositori pronti a tirarci fuori di casa per bruciarci in pubblica piazza. Dalla trasformazione in ranocchi fino all’incanto di una bambola sexy stregata, le magie che potremo sfruttare saranno molte e tutte a metà strada tra l’ironia e la crudeltà. Witch Hunt Nooboo Mary rappresenta una trovata originale tutta da gustare sul vostro social network preferito, soprattutto ora che abbiamo salutato Halloween davvero da poco.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>