Pacman Returns, il pallino giallo cattivo di Facebook

di Gaetano Cutri Commenta


Anche se siete giovanissimi ragazzi che si sono avvicinati da poco al magico e strabiliante mondo delle console con tutti i videogame disponibili per il gioiellino che avete deciso finalmente di acquistare, probabilmente conoscerete in ogni caso un titolo storico che fin dalla sua ormai lontana uscita ha fatto parlare di sé e che oggi è diventato uno degli emblemi veri e propri della storia del videogioco internazionale, ancora amatissimo in tutto il mondo.

Si tratta di Pacman, quello sfizioso ma semplicissimo pallino giallo con una bocca vorace che dobbiamo ogni volta aiutare a circolare in un angosciante labirinto sperando si riescano a mangiare tutte le pillole sparse sul percorso, senza però farsi acchiappare dai terribili fantasmini colorati che non vedono l’ora di toccarci e farci così perdere una preziosa vita per riuscire nel nostro intento. Ma se Pacman per una volta volesse prendersi una rivincita?


Già nel gioco il nostro tondo eroe ha la possibilità, raccogliendo dei fruttini speciali, di diventare invulnerabile e fagocitare le fastidiose entità multicolori intente ad acchiapparci, ma nella nuova applicazione Facebook di cui vi parliamo, la vendetta sarà davvero forte. Il gioco in questione è Pacman Returns e si tratta di un puzzle game che dal Pacman originale trae solo una vaga ispirazione per i personaggi principali.

Tentando in quest’occasione di salvare un fantasmino dal Pacman cattivo che ha appena ingerito una pillola per l’invincibilità, dovremo posizionare dei blocchi colorati, inserendoli nell’area di gioco rispettando una particolare sequenza di distribuzione, per creare un muro di protezione che impedisca all’ex-eroe videoludico di avere la meglio sull’indifeso spettro. Idea simpatica quella di Pacman Returns, perché non provate a dargli una chance?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>