Nuove informazioni su Tomb Raider

di Giovanni Ferlazzo 3


Il sito RockPaperShotgun ha intervistato il responsabile globale del brand Tomb Raider, Karl Stewart, che ha parlato un po’ dei retroscena che hanno portato allo sviluppo del videogioco, e soprattutto alla decisione di realizzare un vero e proprio reboot, invece di un nuovo episodio della serie secondo i canoni del passato.

“Penso che Lara sia un personaggio molto amato e Crystal Dynamics ha adorato spendere il suo tempo per dare vita a questo  franchise. Ma abbiamo pensato fosse giunto il momento di cambiare qualcosa, perché la sua figura stava perdendo una certa rivelanza nel gioco. Volevamo rendere il suo aspetto più facilmente riconoscibile, e penso che questo sia il modo perfetto per re-immaginare il franchise, portando Lara alle sue origini”, ha detto spiegando i motivi dietro la decisione di fare un reboot e mutare un po’ l’aspetto di Lara Croft.

“Il tema della sopravvivenza? Pensiamo sia il modo migliore attraverso il quale la gente può in qualche modo legarsi alla protagonista di una storia. Si sentono legati ad essa e vogliono aiutarla a sopravvivere. Abbiamo spinto parecchio verso questa tematica perché sappiamo che è molto in sintonia con quello che vuole la gente”, ha poi aggiunto riguardo le rivoluzioni nel gameplay che sanno tanto di Lost.

Riguardo il carattere della “nuova” Lara, ammette che c’è qualche cambiamento e un aspetto psicologico più approfondito che in passato: “Lara è estremamente forte, ma al contempo la paura rischia di annegarla. Nel gioco, dovrà combattere continuamente contro le sue paure e vincerle. Dopotutto, è solo una ragazza fresca di università che ha deciso di viaggiare per conoscere il mondo. Certo, non si sarebbe mai aspettata di essere vittima di un naufragio ed ha così perso ogni senso di ottimismo. Le aspirazioni che aveva vengono completamente distrutte, e deve ricostruirle per trovare di nuovo la fiducia che aveva”.

Tomb Raider è atteso nel 2012 su PC, PlayStation 3 e Xbox 360.

Commenti (3)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>