Dance Dance Evolution, nuovo marchio registrato dalla Konami

di Gaetano Cutri Commenta


Se un tempo il genere non era assolutamente previsto sulle console che hanno segnato l’infanzia di molti di voi, tra semplici platform e tecnicamente mediocri titoli sportivi, è stato a cominicare dalle sale giochi e successivamente anche nel mondo dell’intrattenimento videoludico casalingo che questo filone ha preso sempre più piede, ottenendo, anche se solo in tempi relativamente recenti, dei successi assolutamente straordinari.

Il genere in questione è quello dei rhythm game, settore a cui appartengono determinati titoli che fanno della musica e, per l’appunto, del ritmo, la componente fondamentale dell’esperienza di gioco. Tutto è iniziato con dei semplici passi di danza da effettuare con la semplice pressione di tasti sul controller, ammirando come il nostro alter ego virtuale muoveva il suo corpo a ritmo con la musica, a volte inedita, altre volte presa in prestito dai classici di sempre o dalle vette delle classifiche.


Poi siamo arrivati a Guitar Hero e ai suoi parenti, quando alcune periferiche hanno moltiplicato il divertimento insegnandoci quasi a suonare davvero degli strumenti musicali. Ma non sarebbe il caso, ora che è stato trattato ampliamente l’argomento, ritornare un po’ sui propri passi e riscoprire il valore del ballo più puro, con qualcosa che ricordi i primi titoli e i grandi classici appartenenti a questo filone? La Konami sembra essere d’accordo con quest’idea.

Infatti pare che sia stato recentemente registrato il marchio Dance Dance Evolution, parafrasando quindi il notissimo Dance Dance Revolution, vero caposaldo del settore, ma evidenziando un certo sviluppo che porterà di certo aria fresca alla saga di grande successo. Non ci resta che aspettare qualche news ufficiale riguardo questo misterioso progetto, sperando che ritorni in auge la febbre del ballo così come accade qualche annetto fa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>