Homefront 2 non è in pericolo, assicura Crytek

di Davide Leoni 2

THQ è in grossi guai economici, questo non è un mistero ed in questi ultimi mesi ne abbiamo davvero viste di tutti i colori, Tra serie cancellate (Red Faction), giochi “inglobati” come Saints Row 3 Enter The Dominatrix e licenze vendute (UFC) ed un cambio di CEO, gli ultimi mesi di THQ sono stati piuttosto movimentati.

In molti hanno iniziato a temere principalmente per il futuro di tre titoli, ovvero Metro Last Light, DarkSiders 2 ed Homefront 2. Il primo uscirà nel 2013, anche se la versione Wii U è stata cancellata, mentre DarkSiders 2 arriverà su PC e console HD il prossimo 21 agosto.

Oggi Cevat Yarli, CEO di Crytek, ha rivelato durante una intervista con CVG che Homefront 2 non è in pericolo ed i recenti problemi del publisher non hanno avuto ripercussioni di alcun tipo sullo sviluppo del gioco. Crytek sta trattando Homefront 2 come se fosse una propria IP, senza particolari interferenze da parte di THQ, i vertici della società sono d’accordo con la visione di Crytek ed hanno concesso allo studio molta libertà. Chiaramente vengono fatte delle riunioni a cadenza regolare, ma i guai di THQ per fortuna non hanno intaccato i lavori su Homefront 2.

Uscito nel 2011 e sviluppato da Kaos Studios, Homefront ha riscosso un discreto successo, per essendo stato travolto da un mare di critiche negative per la sua estrema somiglianza con Call Of Duty. I buoni risultati commerciali hanno convinto THQ a produrre il sequel, a sorpresa affidato alle sapienti mani di Crytek e non più a Kaos Studios, chiuso pochi mesi dopo il lancio del gioco.

Nel momento in cui scrivo non sappiamo praticamente niente di Homefront 2, fino ad ora Crytek non ha pubblicato screenshot, video o informazioni di alcun tipo. Homefront 2 uscirà su piattaforme next-gen nel 2014, con ogni probabilità sarà uno dei titoli di lancio di PlayStation 4 ed Xbox 720.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>