Zelda, il prossimo episodio per Wii non sarà radicalmente differente

di Gaetano Cutri Commenta


La Nintendo, come tutti sapete è una delle maggiori produttrici di videogames al mondo, non solo di titoli per console ma anche di macchine da gioco grazie alla rinnovata luce che ha brillato grazie alla distribuzione della Wii, la più originale console messa in commercio. Molti di voi immagineranno la vasta collezione di titoli che la Nintendo ci ha regalato in questi anni, e come capostipite di tutti c’è sempre la cara vecchia mascotte.

Il baffuto idraulico in salopette dal buffo accento italiano che risponde al nome di Mario e vaga per mondi incantati a raccogliere stelline e a parlare con funghi tentando di recuperare la solita principessa dal solito tartarugone che la rapisce in ogni episodio. Ma se diamo un’occhiata più a fondo al mare di titoli lanciati dalla Nintendo, noteremo senza ombra di dubbio un’altra serie particolarmente amata appartenente al genere dei giochi di ruolo.


Eh si, stiamo parlando proprio di Zelda, la fantastica saga di giochi di ruolo che ha preso il via diverse generazioni di console fa e che ancora oggi fa parlare di sé grazie alla giocabilità fantastica e all’affetto che gli appassionati di videogiochi hanno per Link, l’eroe indiscusso della serie che affronta mille pericoli per portare a compimento le sue missioni. Vista la longevità della serie era logico aspettarsi delle modifiche anche sostanziali allo stile di gioco.

I fan erano un po’ spaventati da questo perché avrebbe ritrovato un gioco troppo diverso da quelli che hanno amato in passato e per rassicurare gli animi, lo stesso Shigeru Miyamoto, direttore della Nintendo ha dichiarato che la serie non sarà radicalmente differente anche se alcune modifiche pare che ci saranno. Le voci di corridoio che circolano, affermano che si tratterà di un gioco votato maggiormente all’avventura e alla risoluzione di puzzle. Vedremo quale sarà il destino del prossimo Zelda su Wii.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>