Wii, console campione di vendite in Giappone straccia le concorrenti

di Gaetano Cutri Commenta


La Nintendo è sicuramente stata una di quelle case di sviluppo di videogiochi per console e delle stesse macchine da gioco che ha lasciato un segno nella storia del videogioco e continua ancora oggi a disseminare delle ottime perle che di sicuro verranno ricordate dai moltissimi appassionati che giorno dopo giorno scoprono le novità che la grande N è in grado di regalarci, tra annunci a sorpresa e graditi ritorni.

Chi di voi ha qualche anno in più sulle spalle ed ha vissuto in pieno l’era delle console a 16 bit, ricorderà probabilmente quanto la Nintendo potesse essere uno dei colossi del duopolio allora condiviso con la Sega grazie al lancio sul mercato di una potente macchina da gioco come il Super Nintendo che ancora oggi viene ricordato come una delle piattaforme su cui potevamo provare alcuni dei migliori titoli allora in circolazione.


Se dopo quel periodo la Nintendo ha vissuto degli alti e bassi a causa di alcune console non esattamente ben accettate dal pubblico, nell’attuale generazione videoludica, la casa di sviluppo ha di nuovo fatto centro lanciando la Wii, più che una console una vera e propria nuova esperienza di gioco che ha portato ad un nuovo livello l’idea di provare e vivere un videogioco, e in Giappone sono davvero entusiasti di questa novità.

Infatti dati alla mano, la prestigiosa rivista giapponese Famitsu ha reso noto che la Wii in Giappone ha superato gli otto milioni di esemplari venduti, un vero successo considerato che al secondo posto c’è la Playstation 3 con circa tre milioni e a seguir la Xbox 360 che solo di recente ha toccato il milione. Tra i titoli più venduti, al primo posto c’è com’è facile immaginare Wii Sports, e a seguire il salutista Wii Fit. Coraggio Nintendo continua a farci sognare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>