Red Faction: Guerrilla, ancora più particolari

di Onitaku Commenta

Mancano pochissimi giorni all’uscita di Red Faction: Guerrilla e ancora meno all’uscita sul mercato U.S.A. Non potevamo di certo rimanere indifferenti a tutte le novità che riguardano questo fantastico titolo e che, dopo il precedente articolo, sono aumentate a dismisura. Per iniziare vi ricordo che Red Faction: Guerrilla non è un FPS, ma un third-person shooter e soprattutto un bel sandbox alla GTA. Non vi preoccupate non vi annoio più con cose che sapete già, entriamo nel particolare.

Precedentemente avevamo parlato di sei zone distinte controllate dall’EDF. Queste zone verranno dichiarate libere solamente facendo scendere il morale di quest’ultime. Completando le missioni assegnateci riusciremo a far diminuire il morale fino a conquistare definitivamente la zona desiderata. Una volta completate le quests la resistenza ci manderà sempre più rinforzi e le persone, motivate dal nostro coraggio e dai nostri risultati, insorgeranno contro l’oppressore dandoci più di una mano. Per gli amanti della distruzione non ci sarà niente di meglio che giocare a Red Faction. Volition ci dà la possibilità di distruggere praticamente qualsiasi cosa e soprattutto con qualsiasi cosa. Avremo modo di demolire edifici partendo dalle fondamenta utilizzando il nostro martello, farli saltare in aria con cariche esplosive o con armi più particolari o semplicemente facendo schiantare un carro rinforzato dell’EDF sull’obiettivo (naturalmente saltando giù da esso in corsa).

Ma la distruzione non si limita ad essere un piccolo particolare del gioco tra tanti, ma ne è il fulcro vero e proprio. Nel gioco online avremo modo di distruggere di tutto e soprattutto di compiere azioni straordinarie. Grazie a degli oggetti speciali che troveremo nel multiplayer aumenteremo la nostra forza, troveremo nuove armi, jetpack e chi più ne ha più ne metta. Avremo modo persino di ricostruire le strutture durante il gameplay o di crearci la nostra strada sfondando qualche muro di troppo.

Il multiplayer inoltre è molto ben strutturato. Il matchmaking è ottimo grazie alle tantissime opzioni che ci garantiscono che saremo catapultati in una modalità perfettamente di nostro gradimento. Le modalità naturalmente sono numerosissime e vanno dalla flag al tenere una base più a lungo ecc. Inoltre, per chi non ama l’online gaming, vi è una modalità che ci permetterà di modificare le mappe e di gareggiare con i nostri amici a chi distrugge più edifici e simili.

L’unica pecca di Red Faction: Guerrilla (ebbene si ne ha qualcuna) è che gli scenari non sono decisamente vari, ma più per un fatto realistico (siamo su Marte ricordo) che per una mancanza. La distruzione inoltre è una particolarità che ci distrae sicuramente dalla storyline non molto ben strutturata. Ma se vi piace distruggere, divertirvi e passare dei bei momenti è sicuramente il gioco che fa per voi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>